Seleziona una pagina

Chi non ha mai sperimentato la sensazione di prurito? In caso di prurito ricorrente o prolungato nel tempo, le ragioni possono essere molte: allergie, irritazioni, malattie della pelle. Ma il prurito può comparire anche in assenza di cause fisiche come queste appena citate: può, infatti essere un sintomo dell’ansia o dello stress. In questi casi si può parlare di prurito da stress, prurito psicosomatico o, ancora, prurito psicogeno.

>> Clicca qui per scoprire come puoi risolvere la tua ansia

Il prurito è un sintomo spesso insistente, può diventare fastidioso al punto tale da indurre un disagio paragonabile, se non peggiore, a quello provocato dalla sensazione di dolore. Se il dolore, infatti, può essere placato o affievolito ricorrendo a farmaci analgesici, il prurito è invece più difficile da contrastare, per la mancanza di rimedi del tutto efficaci. E più il prurito si fa aggressivo, più la persona che lo prova tenta di trarre sollievo dal grattamento, talvolta insistendo a tal punto da ferirsi e farsi male.

Prurito e ansia: come si manifesta il prurito da stress

Il prurito psicosomatico si manifesta a causa di stati d’ansia, nervosismo e stress. A differenza dei pruriti di origine organica, che possono attaccare varie zone del corpo, il prurito psicogeno compare per lo più di sera o in situazioni di particolare stress e si concentra, generalmente, solo in una zona: sulla testa, sulle braccia o sulle gambe. In alcuni casi può essere accompagnato da un’eccessiva caduta di capelli, detta alopecia da stress.

prurito da stress

Il prurito da stress si associa ad altri dei tipici sintomi fisici dell’ansia. Non è raro, infatti che la persona colpita da questo fastidioso prurito soffra anche di disturbi gastrointestinali, nausea, sudorazione eccessiva o tensioni muscolari, ad esempio.

Ma come può l’ansia provocare prurito?

Quando il corpo vive una fase di stress acuto, come nel caso degli attacchi di ansia, incrementa la produzione di alcuni ormoni, tra cui il cortisolo, detto appunto ormone dello stress, e l’istamina.

prurito da stress alla testa

L’istamina è diretta responsabile delle comuni reazioni allergiche.

Sono proprio gli eccessi di istamina a causare i disturbi della pelle da cui deriva il prurito, come:

  • Dermatite da stress
  • Orticaria da stress
  • Eczema da stress.

Vediamo cosa sono e come si differenziano tra loro.

Dermatite da stress

La dermatite è da considerarsi come un insieme di varie patologie della pelle che causano prurito. Si può manifestare in forma di eritema, desquamazione cutanea o con la comparsa di vescicole e, conseguentemente, con croste della pelle.

Quando all’origine del disturbo non ci sono evidenti cause fisiologiche, solitamente si tende a indagare sulla sfera psicologica della persona che ne soffre. Qualora fossero evidenti disturbi come l’ansia, si parla di dermatite da stress, prurito da ansia o prurito da stress.

Orticaria da stress

Considerata la sua capacità di provocare sintomi anche gravi, l’orticaria è una malattia della pelle da non sottovalutare mai. Si manifesta principalmente con macchie ed edemi della pelle che provocano forte prurito, talvolta la situazione è peggiorata dal gonfiore causato dal riversamento di liquidi nelle zone interessate.

Tra le maggiori cause dell’orticaria si contano allergie di vario tipo, alimentari o ad alcuni farmaci. Possono comparire orticarie da contatto, ad esempio con piante o animali o, ancora, si possono manifestare come reazione a forti emozioni o condizioni psichiche come l’ansia. In questi casi si parla di orticaria da stress.

Eczema da stress

L’eczema è un altro dei disturbi della pelle che può avere una correlazione con ansia e stress. È una delle più diffuse patologie della pelle e si manifesta con punti rossi sparsi sul corpo, vescicole, arrossamenti e bollicine sulle mani. Colpisce prevalentemente determinate zone del corpo, principalmente volto, collo, mani, braccia, pieghe di gomiti e ginocchia, ascelle e inguine.

Nonostante l’evidenza di una correlazione tra questo tipo di problematica cutanea e i disturbi della psiche, come l’ansia, non è poi così corretto parlare di eczema da stress: ansia, depressione o stress non sono la causa scatenante dell’eczema. Possono però contribuire ad aggravarlo in tutti quei soggetti che già ne soffrono.

Come curare il prurito psicosomatico o prurito ansia

Quando il prurito è causato da ansia e stress è di primaria importanza intervenire sull’origine del problema per liberarsene definitivamente, quindi identificare quelle che sono le fonti di stress e l’origine del disturbo ansioso. Un professionista saprà indicare il percorso psicoterapeutico più adatto, ma potranno essere di grande supporto anche la pratica di discipline come lo yoga o l’applicazione di tecniche di rilassamento.

Allo stesso tempo un dermatologo potrà consigliare di abbinare un trattamento sintomatologico che possa alleviare il prurito da stress, in modo da evitare che il fastidio e il disagio da esso generati, a loro volta, incrementino i livelli di stress e scatenino così un pericoloso circolo vizioso.