Seleziona una pagina

La paura della morte è una sensazione comune a praticamente tutte le persone, che può essere definita universale: è raro che in individuo non la provi nemmeno una volta nel corso della propria vita. Di per sé, si tratta di una risorsa fondamentale per l’uomo: senza la paura di morire, di fronte a minacce o pericoli non metteremmo in atto tutte quelle azioni necessarie a tutelare la nostra sopravvivenza.

>> Clicca qui per scoprire come puoi risolvere la tua ansia

Quando questa paura si presenta anche in assenza di una reale minaccia, e pervade la vita della persona fino a comprometterne la qualità, o a impedire la felicità, la serenità e il benessere, si ha a che fare con una vera e propria fobia, nota come tanatofobia (dal greco thanatos che significa morte, e phobos che significa paura).

paura di morire e ansia

La tanatofobia è una conseguenza dell’ansia e può manifestarsi a qualsiasi età, a partire dalla preadolescenza: vediamo come riconoscerla e come sconfiggerla.

Perché ho sempre paura di morire?

L’ansia della morte è una manifestazione di altre patologie o disturbi, legati all’ansia o alla depressione. Più nello specifico, la paura di morire può essere sintomi di:

  • disturbo ansioso
  • depressione
  • disturbo da stress post-traumatico
  • disturbo d’ansia da malattia (o ipocondria).

Individuare la causa scatenante è importante, perché per vincere la fobia della morte si dovrà agire sul disturbo che la provoca: solo in questo modo si potrà ritrovare la serenità perduta e allontanare i pensieri ricorrenti e intrusivi.

Paura di morire causata dall’ansia: i sintomi

tanatofobia ansia e paura di morire

Esistono alcuni segnali che possono aiutarci a capire se la paura della morte che si sta provando è sana, oppure se è legata a un disturbo ansioso. Ad esempio, di fronte a una reale minaccia o prospettiva di morte, è normale che i pensieri relativi a ciò che potrebbe accadere a sé o ai propri cari si faccia strada e occupi la mente.

Ma come capire quando questi pensieri sono esagerati rispetto alle reali condizioni che caratterizzano la propria quotidianità?

I principali sintomi della paura di morire, o della morte di una persona cara, provocata dall’ansia sono:

  • paura o ansia immediate quando il pensiero della morte si fa strada nella mente
  • attacchi di panico quando si pensa alla morte
  • evitamento di situazioni, come funerali e cimiteri, che possono ricondurre al pensiero della morte
  • sensazione generalizzata di ansia o depressione
  • somatizzazione, con manifestazioni fisiche come tachicardia, mal di testa, mal di stomaco, problemi intestinali che peggiorano quando anche i pensieri intrusivi legati alla morte aumentano.

Attacchi d’ansia e paura di morire

Diversa dalla fobia della morte, ma sempre correlata all’ansia, è la sensazione di morire da un momento all’altro che pervade chi sperimenta un forte attacco ansioso o un attacco di panico. L’improvvisa insorgenza di sintomi fisici anche violenti, come la difficoltà a respirare o la tachicardia e il dolore al petto, possono portare a temere di morire. Questa paura, però, si risolve con la risoluzione dell’attacco di panico, per tornare a manifestarsi in caso di attacchi successivi.

Intervenendo sul disturbo ansioso per prevenire l’insorgenza degli attacchi di panico, si andrà dunque a sconfiggere anche la paura della morte che li accompagna.  

Come superare la paura di morire

Prima di tutto, è bene chiarire cosa si intende per “superare la paura della morte”: come abbiamo visto, è normale che questa emozione sia presente e si faccia sentire in determinate circostanze. Ciò che andiamo ora ad approfondire, però, è come superare la paura di morire in assenza di un reale pericolo o di una reale minaccia, ovvero quando essa è determinata dall’ansia.

ansia e paura di morire

Il corretto percorso psicoterapeutico aiuterà a identificare le ragioni alla base del disturbo e le sfumature con cui esso si manifesta (la paura è legata alla possibilità di provare dolore? O al fatto di andare incontro all’ignoto? Oppure, ancora, di perdere il controllo?), e le cause all’origine del disturbo ansioso.

In questo modo, sarà possibile mettere in atto le soluzioni più adatte per superare il problema e tornare ad avere una vita libera dalla costante fobia della morte.

Una delle forme di terapia considerate più efficaci contro l’ansia, ad esempio, è la terapia cognitivo-comportamentale, che si focalizza sull’individuare gli schemi mentali disfunzionali che generano la risposta ansiosa, per modificarli con processi e schemi più funzionali. Se necessario, lo specialista potrà individuare anche una terapia farmacologica di supporto al percorso di psicoterapia, per sconfiggere l’ansia e aiutare la persona che ne è affetta a ritrovare la propria serenità.