Ansia da Esame: 3 Tecniche per Superarla

È una condizione psicologica che coinvolge la maggior parte degli studenti, se non addirittura tutti. È l’ansia da esame e l’abbiamo sperimentata tutti parecchie volte nella nostra vita.

Cominciamo ad assaporare queste terribili ma deliziose sensazioni per la prima volta durante le scuole elementari, quando affrontiamo il primo esame di una lunga serie, se la strada che si decide di percorrere porta poi verso l’Università.

Si tratta di un lieve stress che, in genere, ci accompagna qualche mese prima della grande avventura e va a scemare subito dopo essere usciti dalla tanto temuta aula. Ma se lo stress che si prova prima di un esame sfocia nel panico vero e proprio, ci troviamo di fronte a quella che è a tutti gli effetti una condizione patologica da non sottovalutare.

La buona notizia? Come appena detto, non durerà per sempre ma andrà via via svanendo non appena ci togliamo quel peso dallo stomaco. Quella brutta? Non puoi eliminarla dalla tua esistenza. Mi dispiace, ma dovrai conviverci, come tutti, ogni qual volta avrai un esame da affrontare.

Quello che puoi fare, però, è riportare indietro lo stress allo stato di ansia lieve in modo che sia in grado di donarti gli effetti positivi che questa, a basse dosi, può offrirti. Ne abbiamo parlato più approfonditamente in un precedente articolo dove ti abbiamo spiegato come lo stress può avere anche dei risvolti benefici, se lo conosci bene.

Ma come posso allontanare quest’ansia che mi distrugge? Come posso affrontare serenamente il mio esame senza esserne sopraffatto?

Te lo spiega la scienza grazie a nuove interessanti tecniche capaci di farti abbandonare l’ansia e lo stress da esame e consentirti di ritornare a studiare con più naturalezza. Sarai, così, in grado di affrontare la sfida più grande della tua vita con una forza interiore da far invidia ai tuoi compagni di ‘sventura’.

3 Metodi per Scaricare l’Ansia da Esame

1. Scrivere

stress-da-esameCome sarà di certo capitato anche a te, nel momento in cui uno studente si sente nervoso ed è preoccupato per la sua performance scolastica, la sua capacità di pensare, di riflettere con chiarezza e risolvere i problemi in maniera accurata è ridotta. Lo puoi osservare anche su te stesso: hai solo in mente le tue molteplici preoccupazioni e vivi in un costante stato d’ansia che ti impedisce di mettere a fuoco ciò che stai studiando e non ti permette di concentrarti sui libri e sugli appunti presi con tanta cura e dedizione.

Questo processo è scientificamente definito.

Quando sei immerso nella tua ansia da esame, il cervello utilizza un parte della memoria cognitiva che è quella zona del cervello in cui si manipolano i fatti e le idee. Quindi che cosa puoi fare?

Scrivere.

Si tratta di un metodo scientificamente testato da una ricerca condotta da Beilock e pubblicata su sciencemag.org la quale ha tenuto sotto controllo gli studenti che hanno trascorso dieci minuti del loro tempo a mettere su carta pensieri ed emozioni immediatamente prima di un esame.

Questa pratica viene chiamata ‘scrittura espressiva’ e viene utilizzata dagli psicologici per ridurre i pensieri negativi nei pazienti affetti da depressione.

Ma perché la scrittura ha un effetto così positivo sulla nostra mente, soprattutto prima di un test importante?

Beilock ce lo spiega affermando che scrivere su carta le nostre preoccupazioni le fa uscire dal nostro cervello per essere trasportate sul foglio stesso. Ti senti meglio, più libero e più propenso a concentrarti sull’esame piuttosto che sull’ansia che questo comporta.

2. Scrivere Pensieri Positivi Aiuta ad Affrontare l’Ansia da Esame

Questo metodo è figlio del precedente, ma non è proprio la stessa cosa.

Se prima il consiglio era di mettere nero su bianco le preoccupazioni e le paure, il passaggio successivo è scrivere cosa, invece, ti fa sentire bene e in pace con te stesso.

Mi spiego meglio.

In ogni scuola e in ogni società moderna si sono formati degli stereotipi. Uno dei più comuni dice che le ragazze non sono in grado di eccellere in materie scientifiche e matematiche e sono più portate verso indirizzi letterari.

Ora, sai bene anche tu che si tratta di sciocchezze, ti basti pensare alle moltissimi grande donne della scienza come la compianta Rita Levi Montalcini, per esempio. Ma in sede d’esame tutti questi ‘pregiudizi’ ti assalgono, ti impediscono di pensare che puoi farcela e ti spingono, invece, ad affrontare una vera e propria lotta interiore perché dentro di te sai già in partenza che fallirai.

L’Università di Stanford ha voluto dare un taglio netto a questi stereotipi e lo ha fatto grazie a uno studio condotto da Geoffrey Cohen che ha ricercato un metodo volto a ridurne l’efficacia sugli studenti.

Prendendo spunto dalla tecnica utilizzata da Beilock, ha chiesto agli allievi di scrivere una breve frase volta verso qualcosa che apprezzano. Qualcuno ha scritto di musica, altri ancora delle uscite con gli amici, ecc.

Questo esercizio ha fatto sì che i ragazzi entrassero in uno stato positivo e ha cancellato il divario psicologico tra di loro. Grazie a questo test, le ragazze hanno alzato la loro media scolastica in Fisica e Matematica.

3. Concentrare la Mente Verso Esercizi di Rilassamento

relax-prima-degli-esamiIn questo caso non si parla più di scrittura, ma di portare il cervello a spostare la concentrazione da un’altra parte.

Non ha senso focalizzarti di continuo sull’esame e sull’ansia che ne consegue. E se cominci ad avvertire dolori allo stomaco, difficoltà nell’addormentarti e il bagno diventa il tuo migliore amico, fermati un momento e rilassati. Sul serio.

Lo afferma anche una ricerca condotta da Larson dell’Università di Charleston pubblicata nel 2010 dal Journal of School Counseling.

Lo studio ha coinvolto gli studenti di terza elementare a cui è stato chiesto di chiudere gli occhi e di concentrarsi sul loro respiro e di rilassare i muscoli delle spalle e della gambe. Il risultato è stato stupefacente, tanto che alcuni dei bambini si sono così rilassati da addormentarsi sul banco dell’esame.

Tutto questo è la dimostrazione scientificamente provata che le tecniche di rilassamento prima di un test importante hanno un effetto significativamente positivo nel ridurre l’ansia da esame.