In anatomia con il termine muscolo si descrive un organo in grado di contrarsi in risposta a uno stimolo. L’organo muscolo è costituito da fibre a loro volta formate da fibrille più piccole, dette miofibrille e composte da miofilamenti.

I muscoli possono essere di due diversi tipi: striati e lisci.

I muscoli striati, sono così definiti perché composti appunto da fibre striate, sono adibiti alla formazione della massa muscolare scheletrica e sono soggetti al controllo da parte della volontà della persona. Per questo sono detti muscoli volontari.

I muscoli lisci, o involontari, sono indipendenti dalla volontà della persona e sono innervati dal sistema nervoso autonomo. Si compongono di fibre lisce e si trovano nelle pareti dei vasi, degli organi, dell’apparato digerente e urogenitale, dei dotti escretori e in numerose ghiandole del corpo.